Come dare spazio alla tristezza

Succede a tutti, prima o poi, in una giornata come un’altra. Siamo pieni di energie, sembra che nulla possa buttarci giù di morale e invece purtroppo la nostra serenità viene messa a tappeto dalla tristezza. Ti svegli la mattina e tutto è come sempre: fai colazione, guidi fino a lavoro, parli con le persone, sei tranquilla/o, ma niente a un certo punto, senza nessuna ragione scatenante il tuo umore è sotto i piedi.

A me capita spesso e la maggior parte delle volte non c’è una vera e propria ragione che causa il mio malessere. Magari avevo programmato una cena con amici o un’uscita in compagnia, ma niente vorrei solo sprofondare lì dove sono e rimanere da sola. Spenta, per qualche ora, senza voglia di dare spiegazioni. Perché non c’è spiegazione: a volte la tristezza arriva a farci visita e la cosa migliore che si possa fare è accoglierla

Perché cerchiamo sempre di respingerla, come se fosse qualcosa di negativo? Se la tristezza arriva, ha i suoi buoni motivi: magari ci siamo messi molto da parte nell’ultimo periodo, abbiamo pensato poco al nostro benessere psicologico, ci siamo presi poca cura di noi. Può succedere che lo stress della vita frenetica ci butti giù a un certo punto. Siamo umani, non siamo macchine, dobbiamo accettare di non essere supereroi.

Il mio consiglio allora è questo: non cercare di scacciare la tristezza come se fosse peste bubbonica, accoglila nella tua vita e impara a renderla energia per la tua mente. Puoi trasformarla in un “regalo dell’anima” o di un dramma irrisolvibile. Sappi che la tristezza non è eterna e come arriva può andare via, basta solo ascoltarla. Ora c’è, magari vuol dire qualcosa che non hai ascoltato fino ad ora. Puoi cercare in modo e maniera di scacciarla via facendo cose che non vuoi fare ma appena ti ritroverai da solo con te stesso ti renderai conto che ignorarla non vuol dire sconfiggerla. 

Lasciati ispirare da lei: troverai energie che non pensavi neanche di avere. Ti parlo per esperienza, per sconfiggere il malessere molte volte ho cercato di imparare a fare cose nuove per rallegrare le mie serate sottotono. Ho iniziato a disegnare ad acquerello, a dipingere, a diletterai con cose che non avevo mai fatto. Ed ha funzionato perché ho fatto piccole cose che pensavo di non essere in grado fare, come scrivere o aprire un blog.

La tua anima funziona così, manda messaggi e il più delle volte lo fa con le emozioni e le sensazioni che provi: provare qualcosa, anche se negativo, non è male. Non sei fatto/a male, sei semplicemente fatto di carne e sentimenti. Non sentirti sbagliato se provi tristezza senza motivi validi: sei fatto così, accetta te stesso e sicuramente vivrai meglio le tue emozioni!